Le puliture del pesce – Pesce azzurro


Pesce azzurro: sgombro, alici, tonno, spada

La definizione di “pesce azzurro” è generica e non risponde ad una caratterizzazione cromatica delle specie accomunate sotto questo nome. Generalmente si tratta di quei pesci che presentano una colorazione dorsale tra il blu scuro e il verde-blu, mentre il ventre tende ad essere argenteo.

Abbondanti nei nostri mari, sono interessanti dal punto di vista nutrizionale, infatti sono ricchi di grassi insaturi e di omega3, elementi particolarmente consigliabili per controllare la pressione arteriosa e l’attività cardio-vascolare; inoltre contengono una buona quantità di selenio, fosforo e iodio.

Non meno importante è l’aspetto economico: alcune varità hanno un costo decisamente contenuto. Tra i pesci azzurri si annoverano l’aguglia, l’alaccia, l’alice, il lanzardo, il pesce sciabola, la sardina, lo sgombro, lo spratto, il suro, l’alalunga, l’alletterato, il biso, la lampuga, la palamita, il pesce spada e il tonno.

Sgombro

Image

Fase 1. Estraete i visceri dall’apertura longitudinale.

Image

Fase 2. Con il coltello decapitate lo sgombro.

Image

Fase 3. Scoprite gradualmente la lisca centrale.

Alice o acciuga

Image

Fase 1. Afferrate la testa e staccatela con le dita.

Image

Fase 2. Asportate i visceri dal ventre.

Image

Fase 3. Dopo averla aperta a libro, diliscate l’alice.

Condividi Su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RICEVI GRATUITAMENTE IL NOSTRO EBOOK CON LE MIGLIORI RICETTE: